21/04/20

TONY HAWK IN VANS

 

Girano voci che il Vans Park Series di Parigi sarà rimandato causa Covid 19, alla tappa di Parigi dello scorso anno c’ero anche io, incontrai un sacco di pro e tra i tanti c’era anche Tony, che volle fare una foto cone me 😉

Non c’è bisogno di dire altro, una leggenda con ai piedi un’altra leggenda!

Tony è il nuovo Vans Ambassador, aveva solo nove anni quando suo fratello ha cambiato la sua vita regalandogli uno skateboard Bahne in fibra di vetro blu. A quattordici anni era diventato professionista, e a sedici era considerato il miglior skateboarder sulla terra. Ma molto prima di aver attirato l’attenzione del mondo, ricorda il suo primo paio di Vans.

Le prime scarpe da skate che abbia mai indossato, le sue prime Vans le indossava con protezioni per le caviglie, perché ai tempi non erano ancora disponibili alte.

L’anno era il 1978 e quando le indossò ricorda di aver avuto la sensazione del miglio feeling mai avuto con la tavola.

Nel 1999, è diventato il primoskater a completare un 900, il santo graal del vert skating. Poco dopo, ha collaborato con Activision per lanciare Pro Skater di Tony Hawk.

l suo omonimo marchio comprende Skateboard Birdhouse, Hawk Clothing and Eyewear e articoli sportivi e giocattoli della serie Tony Hawk Signature. È stato anche autore di un bestseller del New York Times e la sua compagnia di produzione 900 Films ha lanciato The RIDE Channel, la destinazione di skateboard più popolare su YouTube.

Un progetto vicino al suo cuore, la Tony Hawk Foundation ha donato $ 9 milioni a oltre 600 progetti di skatepark negli Stati Uniti (MAI AD ARONA).

Oggi l’eredità di Tony Hawk lo precede. Ancora più attivo che mai nella comunità skate, e iniettando il suo entusiasmo giovanile in ogni progetto che tocca, rappresenta la stessa eica che Vans ha dai suoi umili inizi. “Vans supporta lo skateboard fin dal primo giorno e non ha mai vacillato nel suo impegno, anche attraverso un enorme successo nel mercato principale”, afferma. “Ho sempre rispettato la loro integrità, quindi è un onore unire le forze e contribuire a far crescere lo skateboard nel modo più autentico possibile”.